Alliance vs Empire – AxE: la recensione del nuovo MMORPG di Nexon

Alliance vs Empire – AxE: la recensione...

Alliance vs Empire è un MMORPG di nuova generazione sviluppato da Nexon. Nonostante il motore di gioco utilizzato sia Unity, leggero e dunque adatto a qualsiasi macchina, anche alquanto datata, la resa grafica di quello che attualmente rappresenta il più grande concorrente di Lineage 2 Revolutions è davvero spettacolare, con animazioni fluide e ben congegnate, un character design di tutto rispetto ed ambientazioni varie e mai noiose, ovviamente tutte stile fantasy.

 

 

Un gameplay più action che mai

Alliance vs Empire (più comunemente abbreviato in AxE) fonda il suo gameplay sull’azione: le skill sono tutte lanciabili in movimento e poche necessitano di un tempo di “caricamento” prima di poter essere utilizzate; la camera segue il personaggio (ovviamente è regolabile) ed è sempre molto funzionale a dei combattimenti frenetici, complice anche la presenza di un tasto dedicato alle schivate. Gli attacchi nemici sono accompagnati dalla proiezione sul terreno di gioco di figure geometriche di colore rosso, che individuano l’area d’azione degli stessi e permettono al giocatore di valutare come spostarsi e schivare.

 

 

E’ doveroso precisare che il titolo presenta anche una modalità di auto-combat ed una di auto-questing. Queste risultano essere molto utili per il grinding ed il farming, ma potrai tranquillamente disattivarle per avere il pieno controllo del tuo PG, aggiungendo un po’ di pepe all’esperienza di gioco complessiva, che risulta più coinvolgente su BlueStacks, vista l’enorme quantità di pulsanti e tasti da tenere d’occhio, difficilmente sfruttabili su uno schermo touch screen da qualche manciata di pollici.

 

Un mondo vivo ed enorme

Appena avviato ed una volta completato il breve tutorial iniziale, utile a prendere confidenza con le meccaniche di gioco, Alliance vs Empire ti catapulterà nel vasto mondo di gioco e ti sottoporrà alla prima grande scelta: con chi ti schiererai? Le fazioni selezionabili sono due: l’Impero Darkhaan, classico esempio fantasy di “impero della luce”, portatore di ordine e pace nel mondo, e l’Alleanza Galanos, con spinte autonomiste e più “caotica”, nonostante non rappresenti il concetto di male. Ogni fazione presenta tre possibili classi, purtroppo gender-locked, da poter giocare, per un totale di sei classi uniche, ognuna con le proprie abilità, skill passive, equipaggiamento e via discorrendo.

 

 

Le missioni di gioco si svolgono in tante macro-aree, condivise fra tutti i giocatori dello stesso server, ed è possibile spostarsi da un’area ad un’altra mediante l’utilizzo di alcuni portali, mentre i nemici, come detto, sono tantissimi e tutti ben caratterizzati, ognuno con un proprio moveset e specifiche animazioni.

 

 

Gioca a AxE: Alliance vs Empire su BlueStacks 4

 

L’unica pecca del titolo, se così si può chiamare, è rappresentata dalla ripetitività delle missioni, che seguono il classico schema tipico di ogni MMORPG, del tipo “uccidi 10 nemici di questo tipo” o “raccogli 6 oggetti in questa zona”. Insomma, si tratta di un meccanismo rodato, sicuramente funzionante ed anche apprezzato, ma che sembra aver fatto il suo corso.

 

 

Per fortuna, per sopperire a questo, esiste la già citata modalità di auto-questing, che esegue questi compiti per te, facendoti salire di livello e riservando la tua attenzione agli aspetti di gran lunga più divertenti del gioco, come il PVP (che per ora è relativo a squadre di 4 giocatori, ma presto sarà resa disponibile una modalità simile ad una vera e propria battaglia campale, con due fazioni da 75 players e ricompense uniche).

Non mancano i dungeon, affrontabili sia in solitaria che in compagnia, missioni secondarie (sub-quest) e missioni di gilda, molto interessanti per fare gruppo con i propri compagni. L’importanza dei vari dungeons (giornalieri e non) è molto elevata: solo in essi è possibile trovare alcuni materiali per evolvere il proprio equipaggiamento.

 

 

Grinding? Presente, ma non eccessivo

Il fenomeno del grinding, ovvero della ricerca compulsiva di equipaggiamenti rari, è sì presente, ma solo a livelli molto elevati, e solo per quei giocatori che vogliono raggiungere la perfezione.

In realtà l’equipaggiamento che il titolo fornisce semplicemente andando avanti con le missioni è più che adatto a procedere, anche considerando la possibilità di evolverlo in più modi, sia di grado che di livello. Insomma, da questo punto di vista Alliance vs Empire è più che equo, dando la possibilità di divertirsi a tutti, ma anche a chi è più accanito di trovare qualcosa per cui trascorrere svariate ore nel mondo di gioco.

 

 

Discorso diverso per il PVP: per essere competitivi è necessario avere una gear piuttosto seria, soprattutto ai livelli più elevati, ma per ovviare a ciò, ed essere più competitivo, puoi sempre optare di goderti Alliance vs Empire su BlueStacks: uno schermo più grande, così come la possibilità di mirare con il mouse e di assegnare ad ogni skill un tasto specifico rappresentano sicuramente dei vantaggi non da poco.

 

In conclusione

Alliance vs Empire è un ottimo MMORPG, non eccessivamente innovativo ma non per questo poco divertente: le ore ti sembreranno passare davvero in fretta affrontando i vari nemici presenti e collaborando con la tua gilda, ed i contenuti che offre sono così tanti che è davvero complicato elencarli tutti senza perdersi, ma è proprio questo il bello dei titoli di questo genere: perdersi nei loro meandri scoprendo meccaniche sempre nuove, zone sempre più belle e nemici sempre più potenti.

Non mancare, dunque, di farci sapere cosa ne pensi di AxE e se ritieni che i ragazzi di Nexon abbiano fatto un buon lavoro o meno con questo gioco, magari con un commento nello spazio dedicato in basso e… Buon game!

Entra nell’esclusiva community italiana di BlueStacks!
Trova compagni di gilda su Discord e racconta la tua esperienza di gioco sul nostro gruppo Facebook.

Scarica BlueStacks 4

Commenti