Head Ball 2: Guida per Principianti

 

Head Ball 2 è un gioco che sta facendo molto parlare di sé per via della sua semplicità, unita ad un gameplay divertente, frenetico e competitivo al punto giusto. Il titolo non è dei più complessi in circolazione, tuttavia presenta un vasto numero di aspetti di cui dovrai tener conto nel corso della tua esperienza, pertanto è bene approfondirli fin da subito, per ottenere un vantaggio tattico sugli altri giocatori sin dalle prime partite.

 

 

Lo scopo del gioco

Head Ball 2 si basa su dei match 1vs1 online in cui lo scopo è semplicemente fare goal nella porta avversaria e, ovviamente, subirne il meno possibile. La visuale in 2D, così come la piccolezza del campo e la scarsa durata delle partite (mediamente 90 secondi) rendono questo titolo fra i casual games più apprezzati: non è necessario dedicargli numerose ore del proprio tempo, sebbene esista un sistema di progressione del personaggio ben sviluppato.

 

 

I comandi sono semplicissimi: ci sono due pulsanti per spostarsi avanti e indietro nel campo, uno per saltare, uno relativo al tiro raso-terra ed uno al pallonetto. Il consiglio è quello di sfruttare il meccanismo di keymapping offerto da BlueStacks, così da poter essere il più veloce possibile e, allo stesso tempo, evitare di premere un pulsante al posto di un altro, cosa molto scomoda e piuttosto frequente su un display piccolo come quello di uno smartphone.

Una volta entrati in gioco, dopo le prime partite di prova, prenderai confidenza con il meccanismo delle carte: in Head Ball 2 esistono diversi PG che potrai impersonare, ognuno con caratteristiche fisiche (tiro, velocità, salto e dimensione) differenti. Ogni personaggio, che sia comune, raro o leggendario, può essere sbloccato ottenendo un certo numero di carte che lo raffigurano, carte che possono essere reperite in dei pacchetti, che il gioco offre come ricompensa per determinate azioni, o come bonus ogni 48 ore circa.

Esiste anche la possibilità di vestire il proprio pg con degli accessori, per ottenere ulteriori upgrade alle sue statistiche, anch’essi sbloccabili tramite le relative carte.

 

 

I poteri speciali

In ogni partita potrai usare, una volta per ciascuno, dei poteri speciali, capaci di darti un boost per qualche secondo: questi poteri sono fra i più disparati, ce n’è uno che ingrandisce la porta avversaria, un altro che ti rende invisibile e via discorrendo. Ogni power up può essere potenziato e potrai utilizzarne fino ad un massimo di sei per match.

 

 

E’ necessario tuttavia che tu sappia che anche questi poteri non sono gratuiti: ogni volta che ne utilizzerai uno consumerai una carta ad esso relativa, carta che può essere ottenuta poi in cambio di monete d’oro o gemme (moneta acquistabile tramite soldi veri) dal negozio, dunque cerca di non sprecarli in situazioni disperate, per esempio se manca una manciata di secondi al fischio finale e sei in svantaggio di parecchi goal.

 

 

Il numero di power up utilizzabili in un singolo match dipende da quanti slot hai in dotazione: in principio saranno due, ma poi potrai sbloccare tutti e sei i posti, senza troppo impegno.

 

I parametri da considerare

Ogni giocatore ha una propria barra dell’energia, che si consuma di una certa percentuale per ogni partita giocata, e che si ricarica con il tempo o con degli oggetti (energy drink) appositi. La barra dell’energia è riferita ad un singolo personaggio, dunque più PG possiedi, più potrai portare avanti sessioni di gioco prolungate.

Dopo ogni partita potrai decidere se continuare a giocare oppure tornare alla home del gioco, ma devi considerare una variabile importante: ogni serie di partite costa un token, rappresentato da una banconota, e, come per la barra dell’energia, anche questi token non sono infiniti, ma si ottengono con il tempo o vincendo dei premi. Conviene, dunque, non tornare alla home se si vuole affrontare un’altra sfida, ma cercare di giocare quante più partite possibili in serie, per risparmiare questi token.

 

Gioca a Head Ball 2 su Bluestacks 4

 

 

Ogni utente, poi, è caratterizzato da un livello, da un particolare ammontare di monete d’oro e da un numero di tifosi: sia i punti esperienza che le monete, ma anche i tifosi, si accumulano vincendo partite ma, mentre a seguito di una sconfitta gli XP e l’oro non vengono toccati, i fans invece scenderanno di numero.

Da questi dipende lo stadio in cui giocherai, che fondamentalmente ti garantirà premi migliori (più XP e più monete per ogni vittoria) e poteri speciali differenti tanto più è alto il suo livello, e dunque il tuo numero di tifosi.

Ogni settimana, inoltre, entrerai automaticamente a far parte di una lega, e, in base al tuo punteggio allo scadere del tempo, sarai promosso o meno alla lega successiva, con dei premi aggiuntivi a seconda del tuo piazzamento. A tal proposito, questo punteggio si accumula in base alle vittorie (3 punti) o ai pareggi (1 punto), mentre per ogni sconfitta perderai 2 punti.

Esiste anche un sistema di obiettivi, che ti donerà delle ricompense al compimento delle azioni più disparate, come potenziare un certo numero di power up o segnare più di un determinato numero di goal in una singola partita. Sebbene non si tratti di vere e proprie missioni, l’implementazione di questo sistema è ottima, per guadagnare più in fretta oggetti utili e token / banconote.

 

Conclusione

In linea generale, dunque, questo è tutto ciò che necessiti di sapere per giocare ad Head Ball 2, e, come puoi notare, in realtà le meccaniche di gioco non sono molto complesse. Esistono numerosi bonus accessori, meno rilevanti di quelli discussi, come la possibilità di ottenere dei premi guardando un video pubblicitario o vincendo una serie di partite di fila, che scoprirai andando avanti nel gioco e che verranno approfonditi in guide più specifiche, volte a farti crescere di livello il più velocemente possibile.

Se, tuttavia, hai un dubbio sul gioco o non ti è chiaro qualcosa di questa guida, non esitare a lasciare un commento: amiamo i feedback della nostra community e cercheremo di risponderti il più esaustivamente possibile.

Scarica il nuovo BlueStacks 4

Commenti